Rai e la solidarietà di divi e campioni nei programmi a premi, un brand da seguire

65 / 100 SEO Score

La solidarietà è una componente di questa pandemia e la Rai, che fra un po’ sbarca sul panfilo estivo del “Techetecheté”, ha intrapreso un percorso che si sta rivelando davvero molto interessante.





Mi riferisco al pre-serale L’Eredità con Flavio Insinna che ha utilizzato per ogni settimana un obiettivo di raccolta solidale facendo gareggiare campioni del passato che si sono prestati per lo scopo sociale contribuendo, non solo a salvare la trasmissione, ma introducendo un cliché innovativo che potrebbe davvero rivoluzionare il futuro.

E qui, specifichiamo, a prescindere dalla presenza del pubblico, dovuto alle regole imposte dal distanziamento sociale. L’esempio è calzante per i ‘Soliti Ignoti ‘, spettacolo pre-time, con Amadeus che pure aveva iniziato con i concorrenti senza pubblico. Qui un conduttore impacciato dal fatto di non interagire col pubblico, con concorrenti che possono anche essere spenti e poco coinvolgenti ha portato ad un calo di attenzione dei tele-utenti.





La ripresa con personaggi dello spettacolo e della televisione puntando verso la solidarietà le eventuali vincite, non solo ha dato linfa all’intrattenimento ma, a nostro avviso, può diventare una prospettiva nuova per il futuro.  Esiste un mondo sociale fatto di mille colori di solidarietà e di bisogni intrecciati anche alla salute, all’ambiente. Una RAI del futuro che diventi televisione sociale potrebbe essere uno dei cambiamenti che la pandemia ha determinato. E’ questo migliora la qualità dell’intrattenimento e lo share che poi è il cor business della televisione.





Siamo davvero davanti ad una scelta, far diventare il gioco a premi non un percorso per sé ma per gli altri spinge a migliorare la società e penso che molti sarebbero disposti in futuro a mettere la faccia per uno scopo sociale, mettendosi peraltro in ribalta sull’ammiraglia RAI 1.

Insomma sentire un giovane campione concorrente ieri sera all’Eredità -l’abbiamo messo come immagine in evidenza -, affermare che vincere per “uno scopo sociale è meglio che vincere per se stessi”, fa davvero riflettere per il futuro. Pensiamoci.

About Auderesemper53

Auderesemper53

Check Also

Torna Nek sulle corde della chitarra. LIVE

Torna Nek sulle corde della chitarra. LIVE

69 / 100 Powered by Rank Math SEO SEO Score Quest’estate, NEK Filippo Neviani torna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *