Le mascherine monouso non fanno bene all’Italia

8 / 100 SEO Score

 Con il coronavirus il mondo che conosciamo sta cambiando: nella fase 2 le mascherine sono diventate obbligatorie, in alcune regioni anche i guanti, e chissà per quanto tempo.

Ripartire con tutte le accortezze è sicuramente bello e importante, ma non sommergiamo l’Italia di mascherine e guanti monouso o di altri imballaggi usa e getta. Ripartiamo con degli impegni concreti che limitare quanto più l’utilizzo della plastica.

Alfonso Pecoraro Presidente Fondazione UniVerde ha lanciato una petizione su change.org

Non sommergiamo l’Italia di mascherine e guanti monouso né di altri nuovi imballaggi di plastica obbligatori per tantissime attività.

La “ripartenza” non diventi il festival del monouso e un arretramento delle normative e delle azioni di sostenibilità.

Le doverose misure di protezione individuale devono tenere conto della necessità di proseguire nelle azioni di riduzione ed eliminazione delle plastiche e dei prodotti monouso ovunque sia possibile in condizione di sicurezza sanitaria.

Occorre che il Governo e tutte le Istituzioni orientino le scelte e gli investimenti, sia nella ricerca di materiali biodegradabili, riutilizzabili e riciclabili che nella produzione e nell’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuale, seguendo i principi di riduzione, riuso e riciclo in un’ottica di economia circolare.

Occorre garantire la massima trasparenza su produzione e filiera di approvvigionamento dei dpi per evitare speculazioni e truffe e favorire una sana filiera Made in Italy che consenta una costante fornitura di prodotti sicuri e sostenibili.

È essenziale che questa ripartenza delle attività economiche e sociali confermi e favorisca gli impegni normativi e organizzativi #PlasticFree e per la riduzione del “monouso” avviati dal Governo e da numerose realtà pubbliche e private per evitare il drammatico inquinamento da plastiche dei nostri mari e dei nostri territori.

Pertanto, si chiede al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Ambiente e al Ministro della Salute un’autorevole intervento in questa direzione e l’adozione di provvedimenti e linee guida che favoriscano l’uso di prodotti compatibili con una vera economia circolare.

About Auderesemper53

Auderesemper53

Check Also

amiu taranto

Kyma Ambiente – Amiu Riavvio dell’impianto di selezione rifiuti “Pasquinelli

51 / 100 Powered by Rank Math SEO SEO Score Prima seduta del nuovo CdA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *